I nuovi Starbucks e le palme a Milano

in Garden Designby Jessica
Esternidesign.it - Piazza Duomo Milano
Esternidesign.it - Starbucks Reserve Roastery Cordusio
Esternidesign.it - Exterior design Starbucks
Esternidesign.it - Interior Starbucks Reserve Roastery
Esternidesign.it - Bacche caffè
Esternidesign.it - Pianta del caffè
Esternidesign.it - Il nuovo store Starbucks in Garibaldi

La catena Starbucks a Milano

Il 18 gennaio 2017 Starbucks ha vinto un bando di sponsorizzazione indetto da Palazzo Marino, e dopo poco tempo ha incominciato a realizzare la nuova “area verde” dalla durata di 3 anni, nella famosa piazza del Duomo di Milano.

Il progetto per il giardino è stato creato dall’architetto Marco Bay e comprendeva grandi foglie sempreverdi, arbusti, graminacee, piante perenni e un tappeto di ghiaia scura con la funzione di copertura del sistema d’irrigazione automatico. Si tratta però di un'immagine già vista negli ultimi decenni dell'Ottocento, quando ancora non c'era il monumento equestre ma erano presenti aiuole e palme basse. 

Il primo Starbucks è un Reserve Roastery, cos'è?

Milano è stata scelta dal fondatore Howard Schultz come prima città nella quale fondare il primo store Starbucks sul territorio italiano. Al suo interno è possibile assistere ad uno spettacolo davvero eccezionale: la fase di torrefazione, preparazione ed infine di miscelatura del caffè. Da qui il nome “Reserve Roastery” che tradotto letteralmente significa “riserva di torrefazione”.

Il chicco di caffè e gli alberi di Arabica

Non tutti sono a conoscenza del fatto che il caffè proviene da un seme contenuto in un frutto color rosso rubino, la ciliegia del caffè, (fa eccezione il peaberry, o caracolito, dove la ciliegia del caffè produce un unico seme) che cresce su alberi chiamati “Coffea arabica”.

Le caratteristiche degli alberi di Arabica:

Una specie originaria delle montagne Etiopi contraddistinta da dimensioni ridotte e con foglie verde scuro, lucide, e fiori bianchi candidi, dal profumo intenso, che escono una volta a stagione. Con il clima, il territorio e le cure giuste (soprattutto in estate) questi alberi producono bacche scarlatte contenenti caffè.

Lo sapevi?

Ci sentiamo presto!
Diana Iannelli

The Starbucks chain in Milan

On January 18, 2017, Starbucks won a sponsorship bid issued by Palazzo Marino, and after a short time began to create the new "green area" for 3 years, in the famous Piazza del Duomo in Milan.

The project for the garden was created by architect Marco Bay and included large evergreen leaves, shrubs, grasses, perennial plants and a dark gravel carpet with the function of covering the automatic irrigation system. But this is an image already seen in the last decades of the nineteenth century, when there was still no equestrian monument but there were low beds and palms.

The first Starbucks is a Reserve Roastery, what is it?

Milan was chosen by founder Howard Schultz as the first city in which to found the first Starbucks store on the Italian territory. Inside you can watch a truly exceptional show: the roasting phase, preparation and finally the mixing of coffee. Hence the name "Reserve Roastery" which literally means "torrefaction reserve".

The coffee bean and the Arabica trees

Not everyone is aware of the fact that coffee comes from a seed contained in a ruby-red fruit, the coffee cherry, (except the peaberry, or caracolite, where the coffee cherry produces a single seed) that grows on trees called "Coffea arabica".

The characteristics of the Arabica trees:

A native species of the Ethiopian mountains characterized by small size and with dark green leaves, shiny, and white flowers with an intense scent, that come out once a season. With the climate, the land and the right care (especially in summer) these trees produce scarlet berries containing coffee.

Did you know that?

See you soon!
Diana Iannelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *